Mercoledì 6 luglio alle 21, al Monastero dei Benedettini, va in scena lo spettacolo “Omu a mari. Il cunto delle sirene“, scritto e diretto da Gaspare Balsamo.

“Omu a mari” fa parte, assieme allo spettacolo “Epica fera”, del dittico “Horcynus“, un progetto che nasce e si sviluppa a partire dalla riscrittura di alcune parti del romanzo di Stefano D’Arrigo, “Horcynus Orca”.

Protagonisti sono sempre i pescatori e gli uomini di mare dello stretto di Messina, una comunità di uomini e donne raccontata nel loro complesso e plurale mondo di significati e appartenenze.

In “Omu a mari” è sviluppato il rapporto di formazione che si viene a creare tra il vecchio raccamatore di reti da pesca e cuntista di sirene e i giovani ragazzi che si accingono ad intraprendere la vita di mare.

Mare e regno delle sirene, vere e immaginarie, che contribuiranno alla crescita e alla formazione di questi giovani pescatori pronti a trafficare nuove e vecchie avventure nelle acque dello Scill’e Cariddi fatto e disfatto a ogni colpo di remo, dentro, più dentro, dove il mare è mare.

BIGLIETTI

Intero: 10 euro

Ridotto personale Unict: 7 euro

Ridotto studenti: 5 euro

L’evento è organizzato da Teatro della Città – Centro di Produzione Teatrale in collaborazione con Artelè e Associazione Città Teatro

CON IL PATROCINIO ED IL CONTRIBUTO DI

X