Parole che si muovono sinuose su musica raffinata e popolare e tra i versi dei cantori più amati. Alle evocative rime Onda Sponda e Culla Nulla è dedicato il quarto e ultimo appuntamento per questa prima sezione del percorso A Rima Baciata ideato e condotto dalla scrittrice e docente di Poesia per musica Lina Maria Ugolini. Si tratta, come sempre, di un appuntamento all’interno della rassegna sinESTEsie – EStensioni Teatrali nell’ambito del progetto Radio Teatro Città on Web, iniziativa culturale multimediale, ideata da Orazio Torrisi e  prodotta dal Teatro della Città – Centro di Produzione Teatrale in collaborazione con l’Università di Catania.

Il nuovo appuntamento è per domenica 6 giugno (ore 19), con replica lunedì 7 giugno (ore 13) e sarà disponibile sul sito teatrodellacitta.it, sulla pagina fb teatrobrancati e sui vari canali multimediali dell’ateneo catanese radiozammu.it; in FM sulla frequenza 101.00 MHz; su Spotify (podcast “Sinestesie“) in video sul canale YouTube zammù tv – Università di Catania (playlist “Sinestesie”).

Durante la puntata, la curatrice Lina Maria Ugolini, in studio insieme con l’attrice Anna Passanisi e il regista Gianni Salvo darà vita a una serie di sinestesie sensoriali e poetiche proprio a partire da queste coppie di parole che si baciano per gioco o per innamoramento. “Il gioco – dice Ugolini – rimanda ai suoni delle filastrocche, l’innamoramento all’attrazione dei magneti, inevitabili nel porre a contatto parole che intrecciano radici di senso, rimandano a invenzioni di metafore. In quest’ultimo appuntamento ho scelto la doppia rima, Onda Sponda e  Culla Nulla. Parole che dondolano sulla musica della Barcarola di   Jacques Offenbach, nella Sicilia di Rosa Balistreri, nella Napoli antica di una Villanella cantata da Noa, nel blues partenopeo di Pino Daniele, per finire ad un lieve revival consegnato alla voce di Oscar Carboni”. Oltre, ovviamente, ai versi della stessa Lina Maria Ugolini e di Eugenio Montale, Giacomo Leopardi, Giovanni Pascoli, Roberto Piumini.

 

 

CON IL PATROCINIO ED IL CONTRIBUTO DI

X