La puntata dedicata al testo di Capuana, interpretato da Pippo Pattavina, Ezio Donato ed Evelyn Famà e con la musica originale di Luciano Maria Serra, inaugura il progetto Narratori e compositori di Sicilia, prodotto da Teatro Massimo Bellini, Teatro della Città di Catania, Università di Catania

Comparatico, testo di Luigi Capuana del 1882, è il titolo inaugurale di Narratori e compositori di Sicilia, l’ambiziosa iniziativa prodotta dal Teatro Massimo Bellini di Catania, dal Teatro della Città di Catania e dall’Università di Catania che prende il via domani 3 febbraio con la pubblicazione della prima puntata alle ore 18 sul canale YouTube Zammù TV, la webtv di Unict, e con la messa in onda su Radio Zammù, in FM 101 e in streaming sul sito www.radiozammu.it.L’imponente progetto, in cui le tre istituzioni culturali hanno unito le forze per una proposta, incentrata sulla tradizione della narrazione siciliana, che valorizza composizioni originali sfruttando la potenza della diffusione sui canali internet, è stata ideato da Orazio Torrisi con la consulenza letteraria del professore Rosario Castelli, l’adattamento teatrale e la regia di Ezio Donato e la consulenza musicale del maestro Giuseppe Calanna.

La pièce Comparatico è accompagnata dalla composizione originale Comparatico – Ianu  del maestro siciliano Luciano Maria Serra, primo quadro del Poema sinfonico per un’umanità siciliana dolenteLa puntata dedicata a Capuana è stata registrata (come le altre quattro) all’interno del Teatro Massimo Bellini e vede come protagonisti Pippo Pattavina, Ezio Donato ed Evelyn Famà e l’Orchestra del Teatro Massimo Vincenzo Bellini, diretta da Leonardo CatalanottoUn lavoro artistico suggestivo che, attraverso le riprese e il montaggio realizzati dalla webtv dell’Università di Catania (Dario Grasso, Salvo Noto, Giorgio Raito e Giuliano Severini), diviene un prodotto culturale multimediale da poter fruire liberamente attraverso il web. Dopo la pubblicazione di Comparatico, infatti, il ciclo proseguirà con altre quattro puntate trasmesse con cadenza settimanale ogni giovedì e poi disponibili sui siti e i canali web delle tre istituzioni.

L’interesse nei confronti di Comparatico sta tutto nella sua genesi, che si richiama alla letteratura orale siciliana, e nel suo accidentato percorso prima di arrivare alla pubblicazione. La storia del testo, infatti, da sola dimostra come e dove sia nata una delle più felici stagioni della nostra letteratura e in particolare del Verismo, senza il quale non ci sarebbero mai stati Verga, De Roberto, Pirandello, e forse anche quelli a noi più vicini come Brancati e gli stessi Sciascia e Camilleri. A Comparatico, purtroppo, si associa anche un altro primato collegato alla cronaca nera: se all’indomani dell’Unità  i casi di femminicidio erano certamente molti, il testo di Capuana, spacciato per autentica rielaborazione popolare di un fatto di cronaca, è il primo che narra, accanto al femminicidio, un caso di infanticidio: il padre uccide il piccolo figlio per vendicarsi della moglie. 

Clicca qui per guardare la puntata: https://youtu.be/4nlUVIFrbzs

CON IL PATROCINIO ED IL CONTRIBUTO DI

X